Segue
Vincenzo Verniti

La ricerca bibliografica in storia della
cartografia. Una guida a strumenti e risorse nel contesto bolognese

Indietro

Continua

La consistenza attuale [16] di ACNP è la seguente:
periodici presenti: 123.312
biblioteche: 2.420 (1.278 aggiornano i dati online)
totale localizzazioni: 655.398

SPOGLI:
Periodici spogliati: 9.666
Totale spogli: 8.931163

4.4 Il metaopac MAI-AZALAI

Il MetaOpac Azalai italiano (MAI), http://azalai.cilea.it/mai/ realizzato dal CILEA, in collaborazione con l'AIB (Associazione Italiana Biblioteche) permette l'interrogazione contemporanea di moltissimi OPAC. Si tratta di uno strumento utilissimo per la ricerca di pubblicazioni presenti in oltre 160 cataloghi.

La ricerca immessa viene inviata a tutti i cataloghi, e ritrasmette una dopo l'altra tutte le risposte positive (quando cioè è stato trovato almeno un documento rispondente alla richiesta).

E' preferibile usare MAI-AZALAI come strumento di ricerca aggiuntivo e solo dopo che le ricerche all'interno dei due cataloghi collettivi nazionali (SBN e ACNP) non hanno prodotto i risultati sperati.

Le modalità di ricerca sono molto semplici. Molti OPAC possono essere interrogati  tramite un'unica maschera di ricerca costituita solo dai campi titolo e autore.

Volendo, è possibile effettuare ricerche su altri campi ma c'è il rischio di una risposta falsata nel caso in cui quel determinato campo non fosse presente nell'archivio che si sta interrogando. Ottenuta una risposta positiva, è però possibile continuare la ricerca direttamente sul singolo catalogo, utilizzando le chiavi di ricerca consentite dall'interfaccia.

4.5 Alcuni importanti cataloghi stranieri

British Library (BL)
Il catalogo http://blpc.bl.uk/ comprende 150 milioni di documenti e consente interrogazione mediante numerose chiavi di ricerca. E' interfacciato con il modulo di richiesta dei servizi di fornitura documenti (BLDSC) e prestito interbibliotecario e con informazioni sulle modalità per ottenerle.

La British Library mette a disposizione in Internet diversi servizi, alcuni gratuiti, altri a pagamento. Uno degli obiettivi della BL è diventare il principale centro, a livello mondiale, per la conservazione e la distribuzione dei documenti in formato elettronico. Attualmente il  BLDSC (British Library Document Supply Centre) distribuisce, a pagamento, più di 5 milioni di documenti ogni anno e costituisce il più diffuso servizio internazionale di fornitura documenti.

Oltre ai cataloghi, sul sito della biblioteca http://www.bl.uk si trovano mostre, collegamenti ad altre risorse, pagine di informazione e archivi di testi digitalizzati (Metitieri-Ridi, 2003)

Catalogue de la Bibliothèque Nationale de France (BNF)
http://www.bnf.fr/

8,5 milioni di notizie di libri e periodici
microfiches e microfilms realizzati a partire da questi documenti
link a  documenti a testo pieno a partire dal catalogo
registrazioni sonore su vario supporto

La BNF è responsabile del progetto biblioteca digitale Gallica http://gallica.bnf.fr/  ove si trovano 80.000 immagini e decine di ore di registrazioni sonore. E' una delle più ricche biblioteche digitali su Internet.  I documenti che costituiscono Gallica sono di prevalenza fondi della BNF, ma non solo. Viene privilegiata la cultura francofona, ma sono presenti anche classici stranieri in lingua o in traduzione.

Karlsruhe Virtual Catalog (KVK)
Il catalogo virutale di Karlsruhe http://www.ubka.uni-karlsruhe.de/hylib/en/kvk.html è un metacatalogo che comprende oltre 75 milioni di libri e periodici. E' costituito da 35 cataloghi Europei, più la Library of Congress e 5 fra le più importanti librerie commerciali online nel mondo (specializzate sia nel moderno sia nell'antico).

I cataloghi europei comprendono  9 cataloghi collettivi e biblioteche nazionali o bibliografie  nazionali.

I cataloghi delle biblioteche sono interfacciati con servizi di fornitura documenti e prestito interbibliotecario o con informazioni sulle modalità per ottenerle. Le librerie consentono ordini online.

Library of Congress (LC)
http://catalog.loc.gov/

E' la più grande biblioteca del mondo. Il catalogo contiene milioni di registrazioni bibliografiche di libri, periodici, risorse elettroniche, manoscritti, materiale cartografico, musicale e audiovisivo.

E' possibile interrogare il catalogo in maniera semplice e avanzata. Sono presenti per i libri più recenti, a partire dalla descrizione del titolo, link all'indice della pubblicazione, spesso fornito dagli editori.

5. Fonti primarie

Le pubblicazioni che seguono sono in larga parte tratte da alcune importanti guide bibliografiche internazionali in cui le stesse vengono segnalate come opere particolarmente rilevanti  per la storia della cartografia [17]. La scelta di tali opere non pretende di costituire un campione sicuramente rappresentativo della disciplina. I titoli hanno solamente lo scopo di fornire esempi significativi per le diverse tipologie di documenti prese in considerazione. I commenti alle opere, qualora presenti, sono tratti dalle medesime guide, da recensioni o da schede editoriali; in alcuni casi derivano da una consultazione diretta dei testi.

Per facilitare il recupero delle pubblicazioni, viene sempre riportata, se disponibile, la localizzazione nei principali cataloghi in linea. Per alcuni documenti esiste anche la versione elettronica in rete. In tal caso, viene fornito l'indirizzo web e le eventuali informazioni utili all'accesso.  

5.1  Opere di carattere generale

In questa categoria si possono includere manuali con taglio generale, storico ed enciclopedico; queste pubblicazioni possono costituire utili strumenti per illustrare gli ambiti di cui si occupa la disciplina o per introdurre aspetti specifici.

R.W. Anson, F. J. Ormeling (eds), Basic cartography for students and technicians, 2nd ed. London-New York, Published on behalf of the International Cartographic Association by Elsevier Applied Science Publishers, 1993-1996, 3 voll. (SBN Polo)
Considerato un classico nell'ambito dei manuali di base per la tecnica della produzione cartografica.

E. Arnberger, Die Kartographie und ihre Randgebiete: Enzyklopädie, Wien, Deuticke, 1975-1987  Vols 2-3 a cura di Österreichische Akademie der Wissenschaften.
Fondamenti e ambito della cartografia. Lessico della cartografia storica e cartografia delle città.

L. Bagrow, History of Cartography, R. A. Skelton, London, 1964 (SBN Indice)

C. Bricker, A history of cartography: 2500 years of maps and mapmakers, London, 1968 (SBN Indice).

J. Campbell, Introductory cartography, 2nd ed. Dubuque, IA, W.C. Brown Publishers, 1991 (trad. it.: Introduzione alla cartografia, Bologna, Zanichelli, 1989) (SBN Polo).

G. R. Crone, Maps and their makers: an introduction to the history of cartography, London, Mackay, 1978 (SBN Indice).

R. Cuenin, Cartographie générale, 2. voll., Paris, Editions Eyrolles, 1972-1973 (SBN Indice).

M. MacEachren, D. R. Taylor,  Modern cartography, Oxford, Pergamon, 1994 (SBN Polo)

M. Eckert, Die Kartenwissenschaft Forschungen und Grundlagen zu einer Kartographie als Wissenschaft, Berlin, W. De Gruyter, 1921-1925 (SBN Indice).

J. B. Harley, D. Woodward, (eds), The History of cartography, Chicago, University of Chicago Press, 1987. Opera generale in più volumi che affronta i principali aspetti della disciplina (SBN Polo). Alcuni testi e immagini della pubblicazione sono disponibili anche nel sito "The History of Cartography Project", Dept. of Geography, University of Wisconsin. Online: http://www.geography.wisc.edu/histcart/

G. Hake, D. Grünreich, Kartographie, 7. voll., Berlin-New York, de Gruyter, 1994 (SBN Indice). Esiste anche una recente versione, pubblicata su cd-rom.

A. G. Hodgkiss, Understanding maps: a systematic history of their use and development, Folkestone, Kent, Dawson, 1981. Indagine sistematica dell'evoluzione delle tipologie di mappe che si concentra in particolare sull'arte e sulle tecniche dell'utilizzo delle mappe come strumento visivo di comunicazione (SBN Indice).

C. Jacob, L'empire des cartes : approche théorique de la cartographie à travers l'histoire, Paris,  Albin Michel, 1992 (Sbn Polo).

F. Joly, La cartographie P.U.F. Parigi (SBN Polo).

A. Libault, Histoire de la cartographie, Paris, Chaix, 1960 (SBN Indice)

C. B. M. Lock, Modern Maps and Atlases: an outline guide to twentieth century production, London, Bingley, 1969. Si tratta di un repertorio che descrive tecniche di produzione delle mappe e commenta in dettaglio una vasta gamma di carte e atlanti nazionali, regionali.  E' corredato da un indice molto ricco. Si tratta di un testo considerato una fonte di grande interesse all'epoca della pubblicazione. Pur essendo datato, è molto valido ancora oggi (SBN Indice).

E. Raisz, Principles of cartography. New York, McGraw-Hill, 1962. Per molti anni una pietra miliare nello studio della cartografia [18] (SBN Indice).

W. Ritchie et al., Surveying and mapping for field scientists, Harlow, Longman, 1988. Una guida pratica che copre tutti gli aspetti principali per i non specialisti,  ma che richiede una conoscenza di base della cartografia (SBN Polo).

A. H. Robinson, Early thematic mapping in the history of cartography, Chicago, The University of Chicago Press, 1982. Il testo tratta il tema delle carte tematiche. "Ben Costruito, molto ricco di bibliografia e illustrazioni" (J.B. Harley, Times Higher Educational Supplement) (SBN Polo).

A. H. Robinson, B. B. Petchenik, The nature of maps : essays toward understanding maps and mapping, Chicago, University of Chicago Press, 1976. E' una pubblicazione uscita in più edizioni nel corso di vent'anni che dà una buona visione di insieme della cartografia. Questa pubblicazione è diventata uno degli principali strumenti di orientamento in cartografia. Prima di allora, una delle pubblicazioni di riferimento era il citato testo di Raisz (SBN Polo).

A. H. Robinson, Elements of Cartography,  New York, Wiley, 1960 (SBN Polo).

N. J. W. Thrower, Maps and civilization: cartography in culture and society, Chicago-London, The university of Chicago press, 1996. In questa essenziale storia della cartografia, Norman J. W. Thrower mette in evidenza l'intimo legame che esiste tra la produzione cartografica e la storia della civiltà, dai tempi antichi ai nostri giorni (SBN Polo).

D. Woodward, (ed.), Art and cartography, Chicago, University of Chicago press, 1987 (SBN Polo).

R. B. Parry, C. R. Perkins (eds), World mapping today,  2. ed., London, Bowker Saur, 2002 (SBN Polo).

Alcune guide alla produzione di carte:

J. Render,  Monochrome map preparation, Portsmouth, Society of University cartographers, 1985.

J. Loxton, Practical map production, Chichester, Wiley, 1980 (SBN Polo).

R. Stefoff, The British library companion to maps and mapmaking, London, The British library, 1995 (SBN Polo).

R. V. Tooley, Maps and Map-makers, London, Batsford, 1949 (SBN Indice).

R. V. Tooley, Tooley's Dictionary of Mapmakers, New York, Alan R. Liss, 1979 (SBN Indice)

Alcuni importanti testi pubblicati in Italia o tradotti in italiano sono:

P. Allen, Storia della cartografia. La rappresentazione del mondo nei più importanti atlanti geografici di tutte le epoche, Milano, Mondadori, 1993 (SBN Indice).

R. Almagià, L'Italia di Giovanni Antonio Magini e la cartografia dell'Italia nei secoli XVI e XVII, Napoli, Perrella, 1922 (SBN Indice).

L. Aruta, P. Marescalchi, Cartografia: l'uso e la lettura delle carte, Palermo, Libreria D. Flaccovio editrice, 1986 (SBN Polo).

N. Broc, La geografia del Rinascimento: cartografi, cosmografi, viaggiatori, 1420-1620, Modena, F. C. Panini, 1996 (SBN Polo).

E. Casti, E., L'ordine del mondo e la sua rappresentazione : semiosi cartografica e autoreferenza, Milano, Unicopli, 1998 (SBN Polo).

E. Cecioni, Uso della carta topografica. Firenze, Istituto Geografico Militare, 1987 (SBN Polo).

R. Comba P. Sereno (eds), Rappresentare uno Stato: carte e cartografi degli stati sabaudi dal XVI al XVIII secolo, Torino, U. Allemandi, 2002 (SBN Polo)

F. Farinelli, I segni del mondo: immagine cartografica e discorso geografico in età moderna, Scandicci, La nuova Italia, 1992 (SBN Polo).

A. Lodovisi, S. Torresani, Storia della cartografia, Bologna, Patron, 1996 (SBN Polo)

O. Marinelli, Atlante dei tipi geografici desunti dai rilievi al 25000 e al 50000 dell'Istituto geografico militare, Rist. anast., 2002 (SBN Polo).

C. Palagiano, A. Asole, G. Arena, Cartografia e territorio nei secoli, 10° rist. Roma, Carocci, 1998 (SBN Polo).

A. Peters, La nuova cartografia, Roma, Asal, 1988 (SBN Polo)

J. Schulz, La cartografia tra scienza ed arte. Carte e cartografi nel Rinascimento Italiano, Modena, Panini, 1990 (SBN Polo).

A. Sestini, Cartografia generale, Bologna, Patron, 1981 (SBN Polo).

D. Woodward, Cartografia a stampa nell'Italia del Rinascimento, Milano, Sylvestre Bonnard, 2002 (SBN Polo).

Straordinariamente ricca e utile è anche la bibliografia online realizzata dal sito Map History. L'elenco è aggiornato mensilmente e contiene più di ottocento link al testo completo di documenti, articoli e contributi vari dedicati alla storia della cartografia.  http://www.maphistory.info/webtexts.html

5.2 Carte e pubblicazioni di enti cartografici

Un parte consistente della cartografia viene prodotte dalle agenzie ufficiali. I loro cataloghi sono quindi anche repertori di carte. Un elenco delle agenzie si può trovare in Geo-Katalog e in International maps and atlases in print. Questo elenco include non solo gli enti ufficiali ma anche editori commerciali e venditori di carte e atlanti nei maggiori paesi.

5.2.1 Enti produttori ufficiali di cartografia in Italia

La produzione di cartografia ufficiale si differenzia da quella privata in quanto è regolamentata da leggi, ed è con la legge del 1960 n. 68 , che si definiscono le "norme sulla cartografia ufficiale dello Stato e sulla disciplina della produzione e dei rilevamenti terresti e idrografici". Tale legge non solo individua gli enti preposti alla sua realizzazione, ma stabilisce che una carta è definita ufficiale quando lo stesso ente lo dichiara.

Per l'Italia gli enti produttori ufficiali di cartografia sono [19]:

L'Istituto geografico Militare (IGM) http://www.igmi.org/

Realizza cartografie a varie scale. Tra le più significative si citano la Carta Topografica alla scala 1:100.000, 1:50.000 e 1:25.000. Negli anni '60, dà avvio a una nuova serie di carte che rispondono ai criteri di unificazione europea con la realizzazione di fogli alla scala 1:50 000, sottomultipli della carta alla scala 1:250 000 e a sua volta inquadrata su una carta alla scala 1:1.000.000 identica alla Carta Internazionale del Mondo. La produzione cartografica è molto ricca. Nel sito è possibile consultare il catalogo in linea della cartografia e delle pubblicazioni disponibili

Il più recente catalogo a stampa delle pubblicazioni IGM è:

Istituto Geografico Militare, Catalogo delle pubblicazioni, Firenze, IGM, 2004.

L'Istituto Idrografico della Marina http://www.marina.difesa.it/idro/idrografico07.htm

Ha il compito di eseguire il rilievo sistematico dei mari italiani, studiare le coste, produrre e aggiornare le carte nautiche ufficiali per la navigazione marittima. La cartografia prodotta comprende la copertura dei mari nazionali con la rappresentazione dei litorali e dei porti dalla scala 1:50 000 alla scala 1:5 000. Nel sito è possibile scaricare il Catalogo Generale delle carte e delle pubblicazioni nautiche anno 2003. Numerose le pubblicazioni. Importante l'annuario: Catalogo generale delle carte e delle pubblicazioni nautiche, Istituto idrografico della Marina, Genova (periodico annuale) (SBN Indice).

Il Centro Informazioni Geotopografiche Aeronautiche (CIGA) dello Stato Maggiore dell'Aeronautica Militare http://www.aeronautica.difesa.it/CIGA/

Ha compiti di pianificazione e programmazione nel settore fotocartografico, di produzione di carte per la navigazione aerea e di informazione geotopografiche fornite all'utente quali carte, fotografie aeree, dati digitali, etc. Ha realizzato in particolare la Carta Aeronautica d'Italia alla scala
1:500.000 e quella al 1:1.000.000 facente parte della Carta Aeronautica del Mondo. La produzione cartografica è commercializzata dall'IGM.

Agenzia del Territorio (ex Amministrazione del Catasto e dei servizi tecnici erariali) http://www.agenziaterritorio.gov.it

Realizza documenti costituiti dallo schedario dei numeri di mappa, registri e sommarioni, per descrivere il possessore del bene, l'ubicazione, la natura del bene stesso, la superficie e la rendita, che sono rappresentati nelle mappe catastali. Le carte catastali, nate prevalentemente per scopi fiscali, sono solo planimetriche, tralasciano la descrizione topografica del territorio, ma indicano le particelle legate alle proprietà. La documentazione catastale è composta dalle mappe alla scala 1:2.000 con gli allegati alla scala 1:1.000 e 1:500 per i centro urbani ad alta densità edilizia e alla scala 1:4.000 per le zone montane. L'Agenzia del Territorio, ha portato a termine, nel corso dell'anno 2002 e sull'intero territorio nazionale, il progetto di informatizzazione della cartografia catastale tramite l'implementazione di un GIS  proprietario (al quale è stato dato il nome di Wegis) realizzato appositamente per la gestione dei dati catastali.
La banca dati cartografica catastale viene costantemente alimentata tramite gli atti di aggiornamento di catasto terreni. Gli Uffici provinciali hanno sede nei capoluoghi di provincia e svolgono prevalentemente funzioni di carattere operativo provvedendo all'erogazione dei servizi dell'Agenzia. Curano inoltre i rapporti con i comuni e gli altri enti locali anche per la stipula e la gestione degli accordi convenzionali

Agenzia per la Protezione dell'Ambiente e per i Servizi Tecnici
(ex Servizio Geologico Nazionale) http://www.sinanet.apat.it/serviziogeologico/

Ha compiti di studio, ricerche e rilevamenti per la realizzazione e l'aggiornamento della carta geologica d'Italia alla scala 1:100.000, carte tematiche derivate: minerarie, idrogeologiche, etc. anche a scala 1:50.000 e attualmente le carte alla scala 1:500.000. La produzione cartografica dell'Agenzia è commercializzata dall'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato. Il catalogo è consultabile all'indirizzo: http://dbase.ipzs.it/cgi-free/db2www/cata/cata.mac/input

5.2.2 La produzione degli enti regionali e degli altri enti locali

Agli inizi degli anni '70 vengono istituite le Regioni che si presentano come nuovo <committente di cartografia>. Da quel momento, i nuovi enti incominciano a provvedere direttamente alla pubblicazione di carte a grande scala capaci di rappresentare con precisione e dettaglio la realtà. Ciò al fine di consentirne la gestione e la progettazione del territorio e costituire la base per permettere ai vari enti locali di attuare piani urbanistici e particolareggiati. L'obiettivo è quello di realizzare carte di base conformi alle norme per tutto il territorio nazionale, ma il risultato varia da regione a regione, in quanto queste possono decidere con la massima libertà la loro produzione.

L'elenco dettagliato di tutti gli Enti Regionali, con l'indirizzo dei siti e una scheda riassuntiva delle caratteristiche della principale produzione cartografica è disponibile presso il sito  http://circe.iuav.it/circe/servizi/guidaenti_regionali.htm

Riportiamo, a titolo di esempio, un scheda informativa sui servizi cartografici online della Regione Emilia-Romagna e gli indirizzi dei siti dei sistemi informativi della Provincia e del Comune di Bologna.

Regione Emilia Romagna http://www.regione.emilia-romagna.it/carto/reper/defaulta.htm

Dalle pagine della "Cartografia Interattiva" è possibile consultare il repertorio cartografico che contiene l'elenco di tutte le basi dati cartografiche in formato cartaceo e digitale disponibili presso l'Archivio Cartografico della Regione. E' inoltre possibile visualizzare, consultare e scaricare i prodotti digitali disponibili online. Per alcune basi di dati è possibile visualizzare e scaricare gratuitamente i prodotti.  

Provincia di Bologna

Il sistema informativo territoriale della Provincia di Bologna http://www.provincia.bologna.it/pls/provbo/
consultazione.mostra_pagina?id_pagina=833

Comune di Bologna

Per il comune di Bologna, la descrizione del Sistema Informativo Territoriale è accessibile all'indirizzo http://sit.comune.bologna.it/sit/index.html 

Per altri indirizzi di uffici cartografici italiani consultate la pagine blu della GeoGuida http://www.geoguida.it

Molto utile anche la rubrica insiemenelgis, http://www.regione.emilia-romagna.it/
sigeografici/insiemenelgis.htm
inserita nel sito della Regione Emilia-Romagna. La pagine riportano informazioni sulla cartografia disponibile nei siti Web delle Regioni e degli enti locali in Emilia-Romagna.
La rubrica è stata promossa in occasione della presentazione della relazione invitata alla 4a Conferenza Nazionale ASITA (federazione delle Associazioni Scientifiche per le Informazioni Territoriali ed Ambientali) tenutasi a Genova dal 3 al 6 ottobre 2000 ed avente per titolo"Cartografia nei siti web delle Regioni" e pubblicata negli atti del convegno (volume 1 pag. LXXXI).

Il testo della relazione è disponibile anche online all'indirizzo: http://www.regione.emiliaromagna.it/
sigeografici/InsiemenelGis/Introduzione.htm
)

5.2.3 Principali enti cartografici ufficiali europei

Francia: Institut Géographique National (IGN) http://www.ign.fr

Gran Bretagna: Ordnance Survey (OSGB) ttp://www.ordnancesurvey.co.uk/oswebsite/

Germania: Bundesamt für Kartographie und Geodäsie http://www.bkg.bund.de

Spagna: Istituto Geografico Nacional http://www.cnig.es

Belgio: Institut Géographique National http://www.ngi.be

Per tutti le altre nazioni vedere il sito http://www.eurogeographics.org/eng/01_members.asp

5.2.4 Produttori privati di cartografia

La legge italiana n. 68 del 1960 prevede che

"accanto alla produzione "ufficiale" - frutto dell'attività degli "organi cartografici dello Stato" - si prevede l'esistenza di produttori "privati" di cartografia, ai quali è concessa la facoltà di vendere carte ottenute mediante rielaborazione "sostanziale" di quelle ufficiali in commercio: è dunque ammessa una rilettura dell'immagine ufficiale del territorio statale destinata a mettere in evidenza aspetti statistici, scientifici, turistici, storici e didattici. Per la riproduzione totale o parziale della cartografia di stato è richiesta la preventiva autorizzazione dell'ente produttore della carta"[20]

Alcuni  siti italiani di editori di materiale cartografico:

Touring Club Italiano http://www.touringclub.it/guide/index.asp
Il TCI da oltre cento anni è uno dei maggiori produttori di cartografia. Ha agenzie in tutta Italia.

Istituto Geografico De Agostini
http://shop.deagostini.it/store/Catalogo.asp?Cat=11
La De Agostini fin dal 1901 produce materiale cartografico; tra i suoi innumerevoli servizi e prodotti si trova la produzione di carte geografiche di vario genere, dagli atlanti alle carte murali, carte stradali, piante di città.

Kompass
http://www.kompass-italia.it/ITA/Kompass-index_IT.htm Cartografia turistica, stradale, atlanti, piante di città. Per ricercare i siti e gli indirizzi di produttori di cartografia nel mondo, vedere il sito della Kompass: http://www1.kompass.com/kinl/it/

5.2.5 Le collezioni delle Società Geografiche

Molto importanti sono anche le collezioni cartografiche delle Società Geografiche.

Gli indirizzi Web delle Società Geografiche degli stati appartenenti all'Unione Europea si trovano nel sito di EUGEO, la Società Europea per la Geografia http://www.societageografica.it/Eugeo/eugeo.html

Inoltre, nel sito dell''UGI,Union Géographique Internationale è indicata una lista di indirizzi Web delle principali Associazioni Geografiche internazionali.   http://www.igu-net.org/uk/igubase/links.html

Per individuare collezioni di materiale cartografico è estremamente utile conoscere anche i siti dei dipartimenti di geografia nel mondo. Un repertorio molto ben fatto ed aggiornato è quello gestito dal Dipartimento di Geografia dell'Università di Innsbruck: http://univ.cc/geolinks/

La Società Geografica Italiana http://www.societageografica.it/

La cartoteca della Società Geografica Italiana contiene materiale di notevolissimo valore storico-artistico, oltre che scientifico. I suoi pezzi più importanti sono la carta nautica di Albino de Canepa, del 1480, le oltre duecento carte originali dei secoli XVI - XVIII, la cospicua raccolta di carte geografiche cinesi e giapponesi, quasi tutte manoscritte, dei secoli XVII - XIX.

La cartografia italiana moderna è pressoché completa. Molto rappresentativa quella straniera. Notevole la cartografia tematica e nautica. Si sta procedendo al riordino ed alla schedatura informatizzata del materiale in modo da consentire la ricerca incrociata del materiale sulla base di vari elementi, quali il soggetto, l'autore, il titolo, l'editore, la scala, l'anno di edizione e, per quello a scala maggiore, la posizione sul reticolato geografico [21].

5.3 Glossari e dizionari multilingue

Ogni ambito disciplinare utilizza un lessico specialistico. E' quindi utile ricordare alcuni glossari disciplinari. Citiamo le più importanti pubblicazioni relative al settore della cartografia e della geografia:

International cartographic association, Multilingual Dictionary of technical Terms in Cartography Wiesbaden, Steiner, 1973. Il repertorio contiene il glossario in 9 lingue. Nel 1997 è stato pubblicato un nuovo dizionario in 25 lingue che viene considerato la continuazione del precedente:

J. Neumann, Enzyklopadisches Worterbuch Kartographie in 25 Sprachen, München, KG Saur, 1997 (SBN Indice)

R. Brunet, R. Ferras, H. Thery, (eds), Les mots de la geographie: dictionnaire critique, 3. ed. revue et augmentee, Montpellier, Reclus-La documentation francaise, 1993 (SBN Polo).

F. Fulvi, Dizionario di termini della geografia umana, Bologna, Patron, 1978 (SBN Polo).

P. George, (sous la direction de) Dictionnaire de la Geographie, Paris, Presses Universitaires de France, 1970 (tr. it. Dizionario di geografia,trad. a cura di Giampiero Cotti Cometti, Roma, Cesviet, 1974) (SBN Polo).

C. B. M. Lock, Modern Maps and Atlases: an outline guide to twentieth century production, London, Bingley, 1969, p. 10-11. Questa pubblicazione fornisce alle p.10-11 un numero non indifferente di glossari in diverse lingue. Per riallacciarci alla distinzione sopra citata tra fonti secondarie e primarie e all'ambiguità che talvolta tale distinzione non può evitare, è interessante notare che un repertorio classificabile come fonte primaria, fornisce un elenco di riferimenti bibliografici e può quindi esser considerato anche fonte secondaria (SBN Indice).

R. J. Johnston, (ed.), The dictionary of human geography, Oxford, Blackwell, 1983 (SBN Polo).

Y. Lacoste, (ed.), Dictionnaire de géopolitique, Parigi, Flammarion, 1993 (SBN Polo).

Y. Lacoste, De la géopolitique aux paysages: dictionnaire de la geographie, Parigi, Armand Colin, 2003 (SBN Polo).

E. J. Monkhouse, A Dictionary of geography, 2nd ed., London, E. Arnold, 1970 (anche in trad. it Bologna, Zanichelli, 1974) (SBN Polo).

F. Nedelec, Glossaire des termes géographiques ed de renseignements cartographiques: français-anglais anglais-français, Paris, Institut géographique National, 1978.

A. E. Palmerlee, M. K. Gade, Glossary of Portuguese and Brazilian Map Terms and Abbreviations, Cleveland (OH), Bell and Howell, 1968.

Royal Society, Glossary of technical terms in cartography, London, British National Committee for Geography-The Royal Society, 1966.

UGI (Unione Geografica Internazionale), Glossario geografico internazionale, D. Ruocco (ed. it., a cura di) Napoli, Istituto grafico Napoletano, 1988 (SBN Polo).

United States Army, Topographic Command, Glossary of mapping, charting and geodetic terms, 3rd ed., Washington, US Army Topographic command, 1973 (SBN Indice).

W. Witt, Lexicon der Kartographie, Wien, Deuticke, 1979.

Glossario per i termini di lingua tedesca Dictionary of Abbreviations And Acronyms In Geographic Information Systems, Cartography, And Remote Sensing a cura della Università della California. Accesso libero:  http://www.lib.berkeley.edu/EART/abbrev.html

5.4 Liste di organizzazioni

E' sempre più facile trovare i nomi e gli indirizzi delle società tramite Internet; risorse di questo tipo verranno esaminate nei prossimi paragrafi. Sono tuttavia ancora uno strumento autorevole le risorse cartacee :

Orbis Geographicus (Meynen, E. Orbis Geographicus 1988-1992 Wiesbaden, Steiner). (POI World directory of geography, (1992-) (ACNP, SBN Polo)

E. Ehlers, E. Meynen, Geographisches Taschenbuch 1987-1988 Wiesbaden, Steiner. Quest'ultimo repertorio si riferisce solo a Germania, Austria e Svizzera (ACNP).

5.5  Periodici

Nell'ambito della cartografia, vengono pubblicati periodici che fanno riferimento alle discipline geografiche in genere e altri più specialistici. Le riviste di geografia hanno un ruolo importante nel recensire le carte e atlanti pubblicati e costituiscono un utile supplemento alle risorse già indicate.

Alcuni tra i maggiori titoli, hanno sezioni specificatamente dedicate alle novità cartografiche.

Il Geographical journal, ad esempio, concede ampio spazio alle recensioni delle nuove carte e alle novità editoriali in ambito cartografico. Inoltre, vi è un considerevole numero di riviste di cartografia che includono informazioni bibliografiche in tale settore.

Tra i più importanti, dal punto di vista bibliografico, si possono citare World Cartography (United Nation Department of economic and social affairs, 1951-); Surveying and mapping (American Congress on Surveying and mapping, semestrale, 1974-); e Cartoghraphic journal (British Cartographic Society, semestrale, 1964-).

Si riporta un elenco dei periodici principali, senza alcuna pretesa di esaustività. Per ogni titolo viene specificato l'anno di pubblicazione, l'ente editore e la disponibilità cartacea nel catalogo ACNP (·). Se assente in ACNP, ma presente in altri OPAC, viene indicato il catalogo in linea in cui è disponibile.

Titolo

pub.

Ente editore

ACNP

ACSM Bulletin

GIA' American Congress on Surveying and Mapping



ACSM

    ·

American Cartographer poi Cartography and geographic information system

1974-1989



Indice SBN

Annuario dell'Istituto Geografico Militare



IGM

    ·

Association of Canadian Map Libraries and Archives Bulletin GIA' Association of Canadian Map Libraries Bulletin

1974-

ACMLA

    -

Australian Surveyor

1928-

Institution of Surveyors



Base line

1981-

American Library Association

    -

Bibliographia cartographica.

  già Bibliotheca cartographica (1957-1972), a sua volta già Kosack
H. P. and Meine K. H. (1955) Die Kartographie, 1943-1954

1974-



    ·

Bollettino AIC

1964-

Associazione italiana di cartografia

    ·

Bollettino di geodesia e scienze affini

1950-

IGM

    ·

Cartographic journal

1964-

King's College. Department of Geography

    ·

Cartographica

1971-

University of Toronto Press

    ·

Contact - International Cartographic Association

1982-

ICA

    ·

Documents de cartographie écologique

POI Revue d'écologie alpine, 1991-

1973-1988

Université Scientifique et Médicale de Grenoble

    ·

Geodezja i Kartografie

1952-

Technika

    ·

Geographical abstracts

1966-

University of East Anglia

    ·

Imago Mundi

1935-

International Society for the History of Cartography

    ·

Information Bulletin Western Association of Map Libraries

1969-



    -

Internationales Jahrbuch für Kartographie.

1961-

Kirschbaum



ISPRS journal of photogrammetry and remote sensing

1989-



    ·

Kart og Plan

1908-

Norges Jordskiftekandidatforening

    -

Karten

1990-



    -

Kartografisch Tijdschrift

1975-

Nederlandse vereniging voor kartografie

    -

Kartographische Nachrichten

Dal 1976 coedizione di Swiss German and Austrian Cartographic Societies

1951-

Deutsche Geselischaft für Kartographie

    -

Map Collector

1977-

Map Collector Publications

    ·

Mapline

1976-

Chicago: Newberry

MAI-Azalai

Mappemonde

1986-

GIP RECLUS

    ·

Mapping awareness

1987-

Miles Arnold Alberta

    ·

Mapping sciences and remote sensing GIA' Geodesy, mapping and photogrammetry 1959-1984

1984-

Winston

    -

Memorie della società geografica italiana

1878-

Società geografica italiana

    ·

Meridian

1989-

Map and Geography Round Table of the American Library Association.

    ·

Nachrichten aus dem Karten- und Vermessungswesen

1956-

Institut für Angewandte Geodásie

Indice SBN

National Cartographic Information Center Newsletter

1975-

NCIC

    -

New Zealand Cartographic Journal

1970-

New Zealand Cartographic Society

    -

New Zealand Map Society Journal

GIA' New Zealand Map Keepers Circie Newsletter

1987-

New Zealand Map Society

    -

Petermanns Geographische Mitteilungen

1855-

Hermann Haack



Photogrammetric Engineering and Remote Sensing

1934-

American Society for Photogrammetry and Remote Sensing

     ·

Photogrammetria

POI  ISPRS journal of photogrammetry and remote sensing 1989-

1949-1989

Elsevier

    ·

Photogrammetric Record

1953-

Photogrammetric Society

    ·

Polski Przeglad Kartograficzny

1969-

Polskí Towarzystwo Geografiune

    -

Prace Instytutu Geodezji i Kartograffi

?

Instytutu Geodezji i Kartograffi



Remote Sensing of Environment

1969-

Elsevier

    ·

Revista Brasiliera de Cartografia

1970-

Instituto Brasiliera de Geografia



Revista cartografica

1952-

Pan American Institute of Geodesy and History

    ·

La Revue cartographique polonaise

1923-1934

Polski przeglad kartograficzny

    ·

Rivista geografica italiana

1894-

Società di Studi Geografici

    ·

Rivista militare

1945-

Italia. Stato Maggiore dell'Esercito

    ·

Survey review

1963-

Commonwealth Association of Surveying and Land Economy

    -

Transactions of the Institute of British Geographers

1935-

IBG

    -

L'Universo

1920-

IGN

    ·

World Cartography

1951

United Nations

    ·


5.6  I periodici elettronici

I periodici elettronici sono uno strumento di grande utilità per la diffusione della conoscenza scientifica. I testi degli articoli sono visualizzabili direttamente sul computer dell'utente; inoltre il formato digitale consente veloci ricerche per parole all'interno del testo.

Tali periodici possono essere versioni elettroniche di riviste a stampa, oppure possono nascere direttamente come riviste elettroniche, di cui non esiste la versione a stampa. Per la prima tipologia, non è raro trovare, all'interno della versione online, informazioni e servizi aggiuntivi che vanno ad integrare gli articoli veri e propri.

La maggior parte delle riviste elettroniche sono a pagamento ma esistono anche diversi titoli ad accesso libero. 

Sia i periodici elettronici, per i quali l'Università di Bologna ha sottoscritto un abbonamento, sia quelli ad accesso libero  possono essere consultati partendo dal catalogo ACNP  o dal sito dell'editore http://www.cib.unibo.it/sba/perielet.htm

Nel primo caso, si cerca la rivista nel catalogo facendo attenzione a scegliere la versione online, qualora fosse presente anche la versione cartacea. Si "clicca" sul link "full-text" e si accede agli articoli disponibili all'indirizzo dell'editore. E' importante sapere che, di norma, non tutte le annate sono visibili e la copertura dipende dai contratti stipulati con i vari editori. Per gli altri anni si può controllare se è disponibile nel catalogo la relativa copia cartacea. Per l'Università di Bologna, sono accessibili gratuitamente i periodici online collegati ai codici di biblioteca CIPE [22], Unibo [23], e agli altri codici di biblioteche di Bologna (BOXXX) [24]. E' comunque sempre possibile, per ogni titolo, verificare le condizioni di accesso prima di provare il collegamento.

Non sono ancora molti i periodici elettronici dedicati esclusivamente alla cartografia, tuttavia i periodici generali di geografia contengono spessissimo articoli e sezioni riservati a questo materiale.  

Di seguito viene fornito l'elenco delle riviste elettroniche di ambito geografico e cartografico accessibili gratuitamente da postazioni collegate alla rete d'ateneo.

L'elenco riporta il titolo, l'editore e la copertura temporale.

Titolo

Online

piattaforma editore

ACME: An International E-Journal for Critical Geographies

2002-

Free Access

http://www.acme-journal.org

Annals of the Association of American Geographers



1997-

Ingenta - Blackwell Publishing



1(1911)-88(1998)

JSTOR

Annals of Tourism Research

1995-

ScienceDirect - Elsevier Science

Antipode

1997-

Ingenta - Blackwell Publishing

Applied Geography

1995-

ScienceDirect - Elsevier Science

Aquatic Geochemistry

1997-

KluwerOnline

Area

2001-

Ingenta - Blackwell Publishing

Asia Pacific Viewpoint

38(1997) n. 1-

Synergy - Blackwell Publishing

Asian Studies Review       



1998-

Ingenta - Blackwell Publishing

Australian Geographical Studies

35(1997) n. 1-

Synergy - Blackwell Publishing

Base Line

2002-

Magert

Bulletin of the American Geographical Society

33(1901)-7(1915)

JSTOR

The Canadian Geographer/Le Géographe canadien

47(2003) n. 1-

Synergy - Blackwell Publishing

Catena

1995-

ScienceDirect - Elsevier Science

Cold Regions Science and Technology

1995-

ScienceDirect - Elsevier Science

Cultural Geographies

9(2002) n. 1-

Ingenta Select - Arnold

CyberGeo: European Journal of Geography

1996-

Free Access: http://www.cybergeo.presse.fr

Economic Geography

76(2000) n. 1

Clark University



1(1925)-74(1998)

JSTOR

Ecumene

5(1998) n. 1-8(2001) n. 4

Ingenta Select - Arnold

Estudios geográficos

1940-1995

PCI Full Text

Gender, Place and Culture - A Journal of Feminist Geography

2(1995) n. 1-

MetaPress - Taylor and Francis Group

Eurasian geography and economics

44(2003) n. 1-

Ingenta Select - IP Publishing

Geoforum

1995-

ScienceDirect - Elsevier Science

GeoInformatica

1997-

KluwerOnline

Geo journal

1997-

KluwerOnline 

Geomorphology

1995-

ScienceDirect - Elsevier Science

Geografiska Annaler, Series A: Physical Geography

1997-

Ingenta - Blackwell Publishing



47(1965)-0(1998)

JSTOR

Geografiska Annaler, Series B: Human Geography

79(1997) n. 1-

Synergy - Blackwell Publishing



47(1965)-1998

JSTOR

Ge ographical Analysis

34(2002) n. 1-

Project Muse - The Johns Hopkins University Press

The Geographical Journal

2001-

Ingenta - Blackwell Publishing

Geographical Review

1(1916)-88(1998)

JSTOR

GeoTropico

2003-

Free Access: http://www.geotropico.org 

Global Ecology and Biogeography

7(1998) n. 3-

Synergy - Blackwell Publishing

Global Ecology and Biogeography Letters

8(1999)-9(2000)
1991-1998

JSTOR

Growth and Change

1997-

Ingenta - Blackwell Publishing

Imago mundi

55(2003) n. 1

MetaPress - Taylor and Francis Group

International Journal of Geographical Information Science

11(1997) n. 1-

MetaPress - Taylor and Francis Group

International journal of health geographics

2002-

Free Access: http://www.ij-healthgeographics.com/home/  

Irish geography

32(1999) n. 1-

Geographical Society of Ireland

Journal of economic geography

1(2001) n. 1-

HighWire - Oxford University Press

Journal of Latin American Geography

2003-

Project Muse

Journal of the American Geographical Society of New York

1872-1900

JSTOR

Journal of the American Geographical and Statistical Society

1859-1870

JSTOR

Journal of Biogeography

1999-

Synergy - Blackwell Publishing



1(1991)-7(1998)

JSTOR

Journal of geographical systems

1(1999) n. 1-

Springer LINK

Journal of Geographic Information and Decision Analysis

1997-

Free Access: http://www.geodec.org/

Journal of Historical Geography

21(1995) n. 3-

ScienceDirect - Elsevier Science



1975-1990

PCI Full Text

Journal of Regional Science

1997-

Ingenta - Blackwell Publishing

Journal of the Royal Geographical Society of London

1(1831)-50(1880)

JSTOR

Journal of Transport Geography

1995-

ScienceDirect - Elsevier Science

Journal of Urban Affairs

11(1997) n. 1-

MetaPress - Taylor and Francis Group

Journal of World Prehistory

2000-

KluwerOnline

MapForum

Online: 1999

Free Access: http://www.mapforum.com/

Palaeogeography, Palaeoclimatology, Palaeoecology

1995-

ScienceDirect - Elsevier Science

The Photogrammetric Record

15(1995) n. 85-

Synergy - Blackwell Publishing

Planning Perspectives

11(1996) n. 1-

MetaPress - Taylor and Francis Group

Political Geography

1995-

ScienceDirect - Elsevier Science

Population and Development Review

1(1975)-27(2001)

JSTOR

Proceedings of the Royal Geographical Society and Monthly Record of Geography

1(1879)-14(1892)

JSTOR

Proceedings of the Royal Geographical Society of London

1(1855)-22(1878)

JSTOR

The Professional geographers

1997-

Ingenta - Blackwell Publishing ]

Progress in Human Geography

21(1997) n. 1-

Ingenta Select - Arnold

Regional Studies: The Journal of the Regional Studies Association

31(1997) n. 1-

MetaPress - Taylor and Francis Group

Singapore Journal of Tropical Geography

1997-

Ingenta - Blackwell Publishing

Social Science & Medicine. Part D: Medical Geography

1995-

ScienceDirect - Elsevier Science

Southeastern Geographer

2004-

Project Muse

Tijdschrift voor Economische en Sociale Geografie

1998-

Ingenta - Blackwell Publishing

Tourism Economics

8(2002) n. 1-

Ingenta Select - IP Publishing

Tourism Management

1995-

ScienceDirect - Elsevier Science

Transactions in GIS

3(1999) n. 1-

Synergy - Blackwell Publishing

Transactions. Institute of British Geographers

1(1965)-n.s. 23(1998)

JSTOR

Transactions of the Institute of British Geographers

2001-

Ingenta - Blackwell Publishing

Transactions and Papers

11(1946)-5(1964)

JSTOR

Transactions of the Institute of British Geographers

1/2(1935)- 9/10(1939)

JSTOR

Transport Reviews

19(1999) n. 1-

MetaPress - Taylor and Francis Group

Urban Geography

24(2003) n. 1-

Ingenta Select - IP Publishing

Urban Studies

(1964) n. 1-

MetaPress - Taylor and Francis Group

Water Resources

2000-

KluwerOnline

Yearbook of the Association of PacificCoast Geographers

2004-

Project Muse

Indietro

Continua

 

Versione stampabile

Invia la pagina per e-mail Clicca qui per mandare la segnalazione
 
 
 
 

Note

[16]  Alla data del 20.5. 2004

[17] Cfr. soprattutto C.R. Perkins, R. B. Parry,General primary source material in Information sources in cartography,  London, Bowker-Saur, 1990;  J. G. Brewer, Cartobibliography, in J. G. Brewer, The literature of geography: a guide to its organization and use, 2. ed., London, C. Bingley, 1978; A. Lodovisi, S. Torresani, Storia della cartografia, Bologna, Pàtron, 1996..

[18] cfr. Information sources in cartography , cit., p. 15. 

[20] A. Lodovisi, S, Torresani,  Storia della cartografia, cit., p. 207

[21] Fonte: sito della Società

[22] Cooperazione Interuniversitaria per i Periodici Elettronici.

[23] Università di Bologna.

[24] Sta ad indicare il codice delle biblioteche di Bologna all'interno del catalogo ACNP (ad es. BO222 è il codice della Biblioteca del Dipartimento di Discipline Storiche)

 


Copyright® 2005 Università degli Studi di Bologna - Altre informazioni