Storicamente. Laboratorio di storia

Le comuni agricole del Sessantotto

[[figure caption="Ovada 1971; foto di Luigi Respighi, tratta da S. Casilio, M. Paolucci (eds), Scatti in movimento. Dalla metropoli alla provincia: l’Italia e le Marche negli anni sessanta e settanta, Macerata, Eum, 2009"]]figures/2009/sessantotto-casilio/sessantotto-casilio_2009_04.jpg[[/figure]]

Nel 1971 alcuni ex capelloni di “Mondo Beat” diedero vita ad una comune nei pressi di Ovada. «Ovada è un’alternativa, un momento di lotta contro tutte le caserme dell’ideologia sedicente rivoluzionaria […]. Ovada è anche un atto di accusa contro la città; la città baluardo dell’alienazione, strumento dell’oppressione e del controllo da parte della società borghese che realizza attraverso l’ideologia della programmazione urbanistica la gestione unilaterale della comunicazione […], l’isolamento materiale nelle case dormitorio di tutti i proletari».

Da: «Re Nudo», 6 (giugno 1971).